01-12-12

Abusi sessuali dei bambini: le reti

1140727680.JPGFoto: Il giudice francese Jean Pierre Rosenczveig nel 1999 sulla copertina del suo libro " Giustizia per i bambini" e nel 1983 sul giornale "CRAPOUILLOT" uscito nel gennaio 1984 Numero 73.

Nella primavera 2008, Stan Maillaud che ha lavorato sulla rete pedocriminale di Zandvoort (90.000 vittime) ha affermato che questo giudice era il pedocriminalie sulla foto n. N° 9 di Zandvoort anche se la morfologia dei visi sono differenti. Il suo sito lepeededamocles.info è stato soppresso il 31 luglio 2008 'perchè la diffamazione pubblica è vietata...

Qualche settimana fa circolava la notizia che Maillaud era misteriosamente scomparso e che sarebbe stato ricercato dalla polizia.

Sarebbe interessante sapere se le autorità francesi avvierebbero un'inchiesta nel caso della foto N° 9 di Zandvoort perchè la dichiarazione dell'ispettore Georges Zicot belga alla gendarmeria di Geel (giurisdizione di Turnhout) diceva che la foto n. 9 sarebbe un'immagine di un certo Marcel Danze, un uomo della vita notturna di Charleroi, ma ciò non sembrerebbe esatto. 

Zicot era in discredito nel caso Dutroux. Lui è stato accusato, ma poi rilasciato e trasferito in un'altra circoscrizione giudiziaria.

La pubblicazione di questo articolo sul blog http://sos-bambini.skynetblogs.be/ è stato bloccato

17:10 Gepost door Werkgroep Morkhoven in Abusi sessuali bambini, Attualità, Bambini | Permalink | Commentaren (0) |  Facebook |

16-02-12

Caso pedocriminale Zandvoort: 'Politico' o 'non-politico' ?

mvervloesem-kleinkinderen.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sur 'Werkgroep Morkhoven' Facebook
https://www.facebook.com/groups/200250393321072/ :
 

Marcel Vervloesem è stato, immediatamente dopo la sua rivelazione sul caso della rete pedosessuale di Zandvoort (90.000 bambini) e per l'attenzione internazionale per questo caso, è stato subito perseguitato dal fratellastro. La denuncia de suo fratellastro è stata preceduta da un'accusa sul tabloïd fiammingo 'Het Nieuwsblad'.  

Il fratellastro di Marcel Vervloesem che è un semianalfabeta ed utilizza una scittura fonetica, è un membro del consiglio del Sp.a (Partito 'Sociale-Progressista-Alternativo) a Herentals. Lui è stato nominato come membro del consiglio del CPAS à Herentals. Lui è pure membro del consiglio di 'Geelse Bouwmaatschappij'  (Marcel ed i suoi amici lo hanno escluso dal loro alloggio sociale di GeelseBouwmaatschappij).  Lui è stato nominato presidente del Comitato di Sicurezza e della Polizia municipale della città di Herentals.  Lui rappresenta la città di Herentals nelle due intercomunali...  Al tempo stesso, ci sono circa 30 Processi verbale circa infrazioni sessuali con dei ragazzi violentati da lui.

Dopo il 1998, Het Nieuwsblad ed altri  tabloids pubblicano i commentari astiosi di quest'uomo contro il suo fratellastro Marcel quando sono 4 anni che il giudice del tribunale di Turnhout ha vietato a Marcel Vervloesem di parlare coi giornalisti.
IL Werkgroep Morkhoven anche non può pronunciarsi via tabloid.
Allora l'associazione è obbligata a mettere le sue info su Internet.
E' per questa ragione, sono ormai anni, che è stato chiesto nel consiglio municipale di Herentals di chiudere il Werkgroep Morkhoven d'Internet.
Il fratellastro è diventato membro del consiglio municipale di Herentals grazie ad un centinaio di voti ed il sostegno del Sp.a.   Noi sappiamo che la Sp.a sostiene i gays e le lesbiche, ma questa non è una ragione per sostenere i pedocriminali.

Photo: Marcel Vervloesem assieme ad uno dei suoi quattro nipotini



16:25 Gepost door Werkgroep Morkhoven in Bambini, caso pedocriminale Zandvoort, Politico | Permalink | Commentaren (1) |  Facebook |

24-11-10

Festa dedicata ai bambini

In piazza per difendere i nostri bambini

User photo not available By Claudia Antonietti in Cronaca
Published: Thursday, 18 November 2010

Una festa dedicata ai bambini, un appuntamento che ha visto in prima fila le associazioni di volontariato “SOS Antiplagio” e “Gruppo Trecatese Amici 52”. La manifestazione “Scendiamo in piazza per i diritti dei bambini” è stata organizzata a Trecate sabato 13 novembre, in occasione della Giornata Mondiale della carta dei diritti del fanciullo. Un pomeriggio molto freddo e uggioso, che in qualche maniera ha tenuto lontano il grande pubblico. I presenti (una cinquantina in tutto) si sono ritrovati nel cortile interno della scuola elementare “Rodari”. Da qui è partita un’allegra fiaccolata, animata dai clown dell’associazione Dedalo. “L’evento - hanno spiegato gli organizzatori - voleva sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della tutela dei diritti dei bambini. Ci proponevamo inoltre di denunciare gli abusi dell’infanzia tristemente noti: lavoro minorile, schiavitù, prostituzione, pedopornografia, accattonaggio, abbandono”.
Tra gli ospiti presenti, c’erano il presidente dell’associazione “SOS Antiplagio” Giovanni Ristuccia e il presidente dell’associazione “Gruppo trecatese Amici 52”, Giancarlo Antonietti; quindi c’erano il vice commissario prefettizio Elena Mele, l’assessore provinciale ai Servizi sociali Annamaria Mellone, e il collega in Comune a Novara Massimo Contaldo. Molto toccanti le parole di don Stefano, che dal palco del teatro comunale, dove i partecipanti si sono ritrovati, ha letto alcuni brani dal Vangelo in cui i bambini vengono a contatto con Gesù. Al termine è stato dato l’arrivederci all’anno prossimo, per una iniziativa che merita di essere riproposta ad un pubblico sempre maggiore.

festa, bambini, SOS Antiplagio, Gruppo Trecatese Amici 52

http://lapiazzaditrecate.terapad.com/index.cfm?fa=content...

13:36 Gepost door Werkgroep Morkhoven in Bambini | Permalink | Commentaren (3) | Tags: festa, bambini, sos antiplagio, gruppo trecatese amici 52 |  Facebook |