24-02-18

Marcel Vervloesem overleden

IMG_20180127_034312 (1).jpgMarcel Vervloesem van de Werkgroep Morkhoven die, vanwege de onthulling van de kinderpornozaak Zandvoort jarenlang vervolgd werd, is op 22.1.2018 plotseling overleden.

De kranten Het Nieuwsblad, Gazet van Antwerpen, De Standaard, Het Laatste Nieuws en het pornoblad Panorama kwamen op het idee om hem twee dagen na zijn overlijden en hem enkele dagen voor de begrafenis nog eens extra na te trappen.

Men noemde hem een 'zelfverklaarde kinderpornojager', de 'besmeurde witte ridder', een 'fantast', een 'pedofiel' en 'iemand die foto's van kinderporno verzamelde'

Gazet van Antwerpen schreef tenslotte dat er 'geen netwerken bestaan'... 

17-10-08

Marcel Vervloesem lettera a Giovanni Ristuccia e Giorgio Gagliardi


Giorgio.Marcel-hospital 003Libera traduzione

Marcel Vervloesem lettera a Giovanni Ristuccia e Giorgio Gagliardi, del 7 ottobre 2008 - 14; 00 dal carcere di Bruges.

Scusa il mio scadente francese. Ho ricevuto la vostra lettera del 25 settembre a Bruges. Grazie mille. Per la questione delle visite vi ho inserito nella lista delle visite, Io lo faccio nel più breve tempo possibile. Ma dipende dalla direzione, che devono accettare. Speriamo che questo sarà possibile.

Questo mi ha fatto anche notare che al di là delle frontiere, si pensa su questo mio caso e si vuole fare qualcosa per me. Che cosa sta accadendo nel mio paese e come ciò è una cosa possibile. Quello che voi scrivete e lo fate conoscere dalla vostra associazione è un vero e proprio scandalo, una violazione dei diritti fondamentali alla libertà individuale e dei diritti umani.

Io penso che si debba mantenere la nostra idea che, nonostante le difficili circostanze prigioniero, è un onore e un obbligo di continuare a lottare per le migliaia di bambini vittime che appaiono sul CD caso di Zandvoort. E 'il mio dovere come membro attivo, a lottare per questi valori ed essere di sostegno. Almeno di parlare a nome di migliaia di bambini la cui voce non è mai stata ascoltata.

Io o sempre saputo negli anni durante i quali ho combattuto, che lanciare l'appello per aiutare migliaia di bambini non sempre è stato sicuro e lo è tuttora senza pericolo specie nel mio paese. Ma, come attivisti, dobbiamo continuare a lavorare e, se necessario, mettere da parte i nostri interessi, la nostra libertà e la felicità, se necessario. Se non lo facciamo noi e lasciamo abbandonare il tutto alla soppressione e la pressione dei tribunali belgi come in questo caso, saremmo complici in quello che è considerato come crimini contro l'umanità. Il nostro destino è fatto di grande dolore. Le numerose vittime, che non sono state nè sentite e tantomeno difese, hanno bisogno di tutta la nostra energia e tutto il nostro impegno.

Le autorità giudiziarie belghe sono un esempio di irresponsabilità, e violazione dei più elementari valori umani. Queste devono perseguitare degli uomini come noi, sulla base di segnalazioni errate, e attraverso i ritardi e le crudeli raffinatezze, mostrare loro la reale debolezza. E io sono ancora convinto che a un certo punto, un certo scandalo su questo caso dovrà riemergere . Perchè un tale imbroglio e di tale importanza non può passare inosservato e non conosciuto. Questo compare già ora con le tante reazioni internazionali ed il fatto che dopo 11 anni, non sono ancora riusciti a soffocare il caso. Al contrario sta diventando un caso da trattare con maggiore attenzione, e con una ragione indiscutibile.

Non possiamo accettare il ricatto dei tribunali belgi. Dobbiamo rafforzare le nostre opinioni, anche se sono nella condizione di un prigioniero. Che cosa potrà succedere in questo mondo, se tutti gli scandali che erano stati messi in pentola per coloro che non vogliono sentire; uccidendo tutte le persone che danno il loro punto di vista e si fanno portaparola delle migliaia di vittime da imprigionare pergli errori sistematici della legge, e di imporre loro il silenzio?

Ci sono due leggi, ritengo che siano la legge della giustizia e la legge del cuore. Non mi sono mai pentito di tutti gli anni di lotta, anche se la lotta è stata talvolta molto pesante, anche se mi costa la mia salute e la mia libertà. Io l'ho fatto per coscienza, per le convinzioni personali, per il mio sentimento e del cuore. Questa lotta è troppo importante e l'obiettivo è troppo sacro per lasciarlo cadere. Ecco perché io lo faccio, anche se mi sembra molto pesante. Le conseguenze sono dolorose. La vita del carcere è triste e dura.
Migliaia di vittime valgono molto di più. Io non sono che solo un modo per aiutarle.

Per ora, sono stato quasi 5 settimane in una cella di isolamento, quasi senza contatto umano. La porta si apre tre volte al giorno, per 2-3 minuti, a prendere il mio sangue per controllare la glicemia e per depositarmi gli alimenti ed i farmaci. Durante le 5 settimane non ho potuto lasciare la cella di isolamento per 3 volte a settimana e per un'ora per vedere la mia famiglia e gli amici. Per il resto del tempo, io sono il più isolato dei prigionieri del caro mio paese. Non posso aprire la finestra della cella, perché non vi è alcuna finestra che si apre. L'aria che io respiro giorno e notte è data da due tubi in cella, uno che soffia aria, l'altra che la porta fuori. Entrambe i ventilatori fanno rumore giorno e notte, e ciò mi impedisce di dormire più del tempo che mi danno per la possibilità di riposare.

Vivo e lavoro contemporaneamente in queste circostanze, come un prigioniero. Nessuno può essere consapevole di quello che è l'isolamento e la totale mancanza di contatto umano e quale può essere l'effetto su di me. La madre giustizia non pensa a questo assolutamente. Ma io devo sopravvivere perché so che molte persone lavorano per il mio futuro ed il mio destino.

Dalla finestra, vedo i gabbiani, che sono liberi e sereni. La parola libertà non è ascoltata in questo ambiente, ma nel mio cuore, mi sento libero e accetto il mio destino. Se questo non è così confortevole, in tali circostanze, e non devo sperare molto , ma c'è anche un altro stile di vita, anche se in un'altra forma e di un'altra qualità. L'azione della sciopero della fame e della sete, e la strada del dolore che hanno seguito 11 anni lotta per rendere noti al mondo quei CD mi hanno indebolito parecchio. Mi sento indebolito in questa cella. Sto cercando un qualcosa di diverso in questo terribile isolamento, per vedere cosa posso fare per questo caso. Vedo il nemico davanti ai miei occhi e mi sento molto contento di quello che faccio.

Non ho coscienza di aver fatto qualcosa di cui rimproverarmi qualunque cosa sia stata. Io, come uomo, ha fatto quello che sembrava corretto. Ho preso la strada da seguire, il percorso che è stato necessario, per rappresentare alla Corte d'Appello di migliaia di vittime. Che cosa possiamo fare di più, come un uomo?

Ora, aspetto quello che i giorni che verranno mi porteranno. E 'possibile che io non sono ascoltato e portato in un'altra prigione e che i contatti diventino più complicati. Non lo so. Ma una cosa è certa: la mia voce sia ascoltata e finché posso, l'eco della voce arriverà molto lontano.

Con tutto il mio cuore ed i miei migliori saluti,

Marcel Vervloesem


Ecrivéz à Marcel Vervloesem tant qu'il est en vie (de préférence, par lettre recommandée) et diffusez son adresse:
Write to Marcel Vervloesem as long as he is alive (registered mail is best) and forward his adress:

Gevangenis Turnhout
t.a.v. Marcel Vervloesem
Wezenstraat 1
2300 Turnhout
(België - Belgio - Belgique - Belgium)

14:26 Gepost door Werkgroep Morkhoven in Actualiteit | Permalink | Commentaren (0) | Tags: bambini caso zandvoort vervloesem |  Facebook |